ARRIVEDERCI MARTA

Icona di stile e mondanità, Marta Marzotto ci ha lasciati il 29 luglio.

Nata come Marta Vacondio a Reggio Emilia nel 1931, fa il suo ingresso nel mondo della moda in punta di piedi, come apprendista sarta. Milano è la città che le aprirà le porte al mondo del fashion. L’incontro più importante della sua vita avviene negli anni ’50, con il conte Umberto Marzotto che diventerà suo marito pochi anni più tardi. Oltre che icona di stile la Marzotto è anche madre di cinque figli, nati dal matrimonio con il conte, dal quale divorzierà solo molti anni più tardi.

Gli inconfondibili caftani ed i gioielli hanno contribuito a creare la figura di Marta Marzotto, ma ciò che più di tutto la distingue sono i suoi salotti: luoghi di ritrovo di arte e cultura con occasioni stimolanti che attirano l’attenzione di personaggi importanti, come il pittore Renato Guttuso, suo compagno di vita negli anni ’60. E poi le feste: di certo la contessa sapeva come dare una festa degna di essere chiamata tale!

Insomma: Marta Marzotto ha lasciato il segno e di certo non ci dimenticheremo lo splendore di una donna che ha saputo interpretare così tanti ruoli in una sola - seppur piena - vita.